Il pane e le rose: un Primo Maggio per tutti

Molte lavoratrici e molti lavoratori il Primo Maggio, la Festa del lavoro, sono costretti a lavorare come in qualsiasi altro giorno dell’anno. E’ così, per esempio, per molti dipendenti della grande distribuzione e del commercio, non certo dei servizi essenziale come la sanità o i trasporti pubblici. Nessuno ci pensa, ma chi l’ha detto che solo alcuni possono festeggiare e godersi la giornata senza lavorare? Noi vogliamo che il Primo maggio sia la Festa di tutti i lavoratori e non quella dei proprietari dei centri commerciali.
Proprio per questo, quest’anno,  abbiamo deciso di dedicare un po’ del nostro tempo festeggiando il Primo Maggio insieme a chi  – per necessità o per obbligo – lo passa a lavorare. Per non perdere di vista lo scopo e il significato di questa giornata storica è necessario ribadire e ricordarci che le persone e i loro diritti hanno più valore di ogni esigenza di mercato.
Come giovani donne e uomini provenienti da tutto il Veneto, lavoratrici e lavoratori, studentesse e studenti, crediamo sia fondamentale, per dare dignità al lavoro, sottolinearne l’importanza e proprio per questo lunedì primo maggio invitiamo tutti a venire con noi nei negozi e nei centri commerciali, non per fare shopping, ma per regalare rose rosse a tutte le lavoratrici e a tutti i lavoratori che con i loro sacrifici rappresentano il cuore vero di un Paese che troppo spesso si è dimenticato del valore del lavoro e delle persone.

L’iniziativa avrà luogo nelle provincie di Venezia, Padova, Vicenza, Verona e Treviso.

Associazione Fornaci Rosse
Binario 1
Rete degli Studenti Medi – Veneto
Studenti Per – Udu Padova
Udu Verona
Udu Venezia